La perfezione è pornografica

Ed è anche noiosa.

Uno dei pensieri che mi accompagna dalla prima volta che ho visto qualcosa di bello riguarda il concetto di bellezza. O forse, meglio, la percezione della bellezza.

Non ricordo cosa fosse quel qualcosa di bello che vidi ormai decine di anni fa: forse un tramonto, forse un giocattolo, forse una persona, chissà.

Al di là dei gusti personali, esiste una categoria di oggetti — mentali, artistici, intellettuali, commerciali anche — che sono oggettivamente belli. Il problema della percezione della bellezza è che ha più a che fare con la sua manifestazione, o meglio: che spesso — sempre, direi — viene confusa con la perfezione. Parlando di perfezione dovrei poi meglio specificare “ciò che comunemente si intende per perfezione”, e cioè la mancanza di difetti.

La bellezza è insomma una caratteristica di ciò che è perfetto, forse la sua caratteristica principale. Il che mi porta a parlare della seconda scoperta che feci dopo quella della bellezza, ossia che la perfezione è noiosa.

Me ne accorsi negli anni, da indizi e sensazioni più che da razionalizzazioni coscienti. Guardare donne bellissime, persone vestite in modo inappuntabile, opere d’arte o presunte tali totalmente prive di difetti mi annoiava. Poi capii perché: la perfezione porta tutto alla superficie e anzi sta tutta sulla superficie. Non nasconde niente e non ha profondità. Non è molto interessante, alla fine.

Al contrario, i difetti sono variazioni della superficie, alludono a qualcosa che c’è oltre: sotto, in profondità, comunque non immediatamente percepibile. Questo altro non deve per forza essere visibile, quanto, piuttosto, deve lasciare intendere che vi sia altro, che ciò che si osserva non sia tutto. L’errore e l’imperfezione — che siano di un quadro o di un volto — alludono a qualcosa di invisibile materialmente perché nascosto o perché collocato altrove nel tempo: potrebbe essere già successo o potrebbe dover ancora succedere.

Ciò che è impreciso — ciò che non è perfettamente perfetto — allude a una storia, cioè a un oggetto mentale che si dipana in un prima e un dopo. L’imperfezione non è un difetto ma è la rappresentazione di qualcosa che può diventare: appare, non è, come la bellezza. Ha una certa dinamica, non appare in ogni suo risvolto in un attimo ma richiede tempo e osservazione e attiva la mente a chiedersi cosa c’è stato prima o cosa ci sarà dopo. Le fa immaginare una storia.

Per questo la bellezza è pornografica: non nasconde niente, non significa altro che sé stessa, si espone sconciamente. È tutta lì, davanti agli occhi di chi la osserva, e non ha molto altro da offrire. Non ha nient’altro da offrire, infatti.

--

--

--

Architect, photographer, illustrator, writer. L’Indice Totale, The Fluxus and I Love Podcasts, co-founder @ RunLovers | -> http://www.martinopietropoli.com

Love podcasts or audiobooks? Learn on the go with our new app.

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store
Martino Pietropoli

Martino Pietropoli

Architect, photographer, illustrator, writer. L’Indice Totale, The Fluxus and I Love Podcasts, co-founder @ RunLovers | -> http://www.martinopietropoli.com

More from Medium

The GOAT (Greatest of all Time) Discussion: A Data-Oriented Perspective

TopGun_stepping throws the memory lane..

Battling to find the Beauty

ZOO’S THE BOSS: ZOO TYCOON